.
Annunci online

  laverita [ La mia Verità su MusicaCinemaLibri ]
         

Add to Technorati Favorites


Album recensiti:

AMORPHIS - Silent Waters
AT THE DRIVE-IN - Relationship of command
CIRCUS MAXIMUS - 1st Chapter
CIRCUS MAXIMUS - Isolate
DREAM THEATER - Metropolis pt.II: Scenes from a memory
DREDG - Catch without arms
EMERSON, LAKE & PALMER - Brain Salad Surgery
KING CRIMSON - In the court of the crimson king
MANOWAR - Gods of War
MARILLION - Anoraknophobia
MARILLION - Brave
MISANTHROPE - Visionnaire
MUSE - Black holes and revelations
ORPHANED LAND - Mabool
PORCUPINE TREE - The Incident
QUEENSRYCHE - Empire
QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier
RAMMSTEIN - Mutter
SETH LAKEMAN - Freedom fields
SNOW PATROL - Eyes open
TESTAMENT - the Gathering
THE FRATELLIS - Costello music
THE TEA PARTY - Tangents: The Tea Party collection
TOOL - Lateralus
THRICE - Veisshu
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas attic
WARREL DANE - Praises to the war machine


Film recensiti:

300
V per Vendetta


Libri recensiti:

FEDERICO BUFFA - Black Jesus
LUIGI GUARNIERI - I Sentieri del cielo
STEPHEN KING - La storia di Lisey
THOMAS MANN - I Buddenbrook




Creative Commons License
I contenuti inediti di questo blog sono pubblicati
sotto una Licenza Creative Commons


Le tracce che ho ascoltato recentemente:





Il mondo è diverso, se lo vivi di traverso ;-)












free counters


28 luglio 2008

WARREL DANE - Praises to the war machine (2008)



Praises to the war machine suona esattamente come ci si potrebbe aspettare che suoni l'album solista del cantante dei Nevermore: stesso sound, stessa tonalità, ovviamente stesso, inconfondibile stile canoro della band di origine. Unica, e anche prevedibile, differenza di rilievo è l'estrema semplicità della struttura delle canzoni, se paragonata alle convulsioni Nevermoreiane, con il focus del songwriting chiaramente bloccato sulle linee vocali. L'assenza di Jeff Loomis e soci si fa sentire e, vuoi per scelta, vuoi per necessità, l'aspetto strumentale, preponderante nel tessuto musicale dei Nevermore, resta qui invece in secondo piano, limitato al minimo indispensabile. Intendiamoci, il tappeto sonoro messo giù dagli accompagnatori di Warrel in questa sua avventura solista non demerita in senso assoluto, complice anche una ottima produzione, ma il confronto resta impietoso.


In ogni caso, il risultato delle fatiche di Dane non è per nulla disprezzabile, sebbene sia necessario qualche ascolto per liberarsi dell'impressione di stare ascoltando una radice quadrata dei Nevermore. Una volta sgombrata la mente da paragoni scomodi, si apprezza più facilmente la splendida prestazione offerta dal cantante, sia sotto l'aspetto più strettamente musicale, sia sotto quello interpretativo. Anche la maggiore leggerezza strumentale, intesa da un punto di vista compositivo, a lungo andare diventa un pregio, perchè non distrae dall'eccellente lavoro di Dane dietro al microfono. I momenti migliori dell'album sono quelli più lenti od emozionali, come Let you down, August  o la tematicamente impegnativa Brother, nei quali viene fuori nella sua interezza la travolgente forza interpretativa di Dane. Le canzoni più aggressive, come la opener When we pray o la conclusiva Equilibrium, sebbene riuscite, sono pervase da un profondo senso, probabilmente involontario, di vorrei (suonare come i Nevermore) ma non posso, e finiscono giocoforza per sembrare meno buone di quanto effettivamente siano.

In definitiva, Praises to the war machine è da valutare in maniera positiva, considerato anche che muoversi all'ombra di un nome impegnativo come quello dei geniali Nevermore non è per nulla facile, tanto più se il genere resta grosso modo lo stesso. Più che un progetto a sè stante, questa opera solista di Dane è infatti una variazione sul tema, è un "come suonerebbero i Nevermore se ne eliminassimo la complessità strumentale". La risposta è, suonerebbero come una ottima band normale, senza nulla togliere allo smisurato talento di Dane, oggi più che mai uno dei cantanti - e songwriter - di spicco della scena metal contemporanea.




permalink | inviato da laverita il 28/7/2008 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



MOTOCLUB TING'AVERT
STEPHEN KING
HOOPSFANFORUM/Toronto Rptors
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA
RAMMSTEIN
MARILLION
AT THE DRIVE-IN
DREAM THEATER
DREDG
KING CRIMSON
MUSE
ORPHANED LAND
QUEENSRYCHE
SETH LAKEMAN
SNOW PATROL
THE FRATELLIS
THE TEA PARTY
THRICE


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom